Cons. Stato, sez. III, 1 giugno 2021, n. 4201

“Nelle procedure negoziata d’urgenza, indette ai sensi dell’art. 63, comma 2, lett. c), d.lgs. n. 50/2016, è legittima la valutazione della stazione appaltante di inaffidabilità di un operatore economico già inadempiente in altra procedura di gara per non aver rispettato i termini contrattuali di consegna dei prodotti e, quindi, la conseguente esclusione dalla procedura di gara.

Non rileva la circostanza che i fatti contestati siano risalenti nel tempo poiché gli attuali commi 10 e 10-bis vanno interpretati nel senso che il limite temporale triennale decorrente dalla data della risoluzione non opera nel caso in cui il provvedimento sia contestato in giudizio”.

 

 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi