Cons. Stato, Sez. IV, 7 giugno 2021, n. 4353

Il principio di equivalenza trova applicazione ex lege anche negli appalti di servizi, come ad abundantiam reso evidente dall’allegato XIII, comma 1, lett. b), del d.lgs. n. 50/2016, anche in assenza di un’espressa previsione del bando, in quanto principio generale della materia degli appalti pubblici.

Inoltre le caratteristiche minime stabilite nella documentazione di gara non devono intendersi come vincolanti nel quomodo, ma soltanto quoad effectum.

 

 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi