Consiglio di Stato, sez. V, 20 gennaio 2022, n. 366.

L’accertamento della coerenza e congruità delle attività professionali riportate nel certificato camerale con i requisiti di ammissione richiesti dalla “lex specialis” e con l’oggetto dell’appalto, va svolto in concreto, confrontando “tutte” le risultanze descrittive del certificato camerale, con l’oggetto del bando complessivamente considerato, in una logica di concretizzazione delle finalità previste dall’appalto

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi