Tar Puglia. Lecce sez. III, 4.03.2020, n. 304

  1. Le difformità dell’offerta tecnica che rivelano l’inadeguatezza del progetto proposto dall’impresa offerente rispetto ai requisiti minimi previsti dalla stazione appaltante per il contratto da affidare legittimano l’esclusione dalla gara e non già la mera penalizzazione dell’offerta nell’attribuzione del punteggio, perché determinano la mancanza di un elemento essenziale per la formazione dell’accordo necessario per la stipula del contratto.
  2. L'omessa considerazione dei servizi puntualmente previsti dalla “lex specialis”, della loro esecuzione e del relativo monte orario del personale da impiegare, rendono l'offerta difforme da quanto richiesto dalla Stazione appaltante per l’esecuzione dell’appalto, oltre che, conseguentemente, inattendibile anche per ciò che concerne il costo della manodopera e, in generale, l’offerta economica.
  3. Le suddette omissioni incidono su elementi essenziali dell’offerta in relazione all’oggetto dei servizi da appaltare, determinandone l’incompletezza, e, conseguentemente, l’esclusione dalla gara.
  4. La verifica dei costi della manodopera, ai sensi dell’art. 95, comma 10 del Decreto Legislativo n. 50/2016 è necessaria, atteso che la novella di cui all'art. 95, comma 10 del Decreto Legislativo n. 50/2016 e ss.mm. (evidentemente finalizzata alla tutela del diritto dei lavoratori - di rango costituzionale - alla giusta ed equa retribuzione, ai sensi dell’art. 36 della Carta Fondamentale) <<comporta - incontrovertibilmente - la “generalizzazione” dell’obbligo di verificare specificamente (prima dell’aggiudicazione) il rispetto del costo del personale di cui alle Tabelle Ministeriali>> e <<risponde alla “ratio” di accertare (sempre e necessariamente) l’effettivo rispetto dei minimi salariali (come rivenienti dalle pertinenti Tabelle Ministeriali) da parte del futuro aggiudicatario, imponendo alla P.A. la verifica preliminare del costo del personale in ogni caso (e cioè anche laddove non si verta in ipotesi di offerta da sottoporre al giudizio di anomalia per legge, ex art. 97 del Decreto Legislativo n. 50/2016).

 

 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi