Consiglio di Stato, Sez. VI, 24 luglio 2019, n. 5243

Per le cooperative sociali vale l’interpretazione della giurisprudenza a proposito della cd. clausola sociale, ammessa dall’art. 50 del D. Lgs. 18/4/2016, n. 50, nel senso che non può comportare una limitazione alla libertà d’iniziativa economica. Conseguentemente, anche per le cooperative sociali vale il principio in base al quale l'obbligo di riassorbimento dei lavoratori alle dipendenze dell'appaltatore uscente, nello stesso posto di lavoro e nel contesto dello stesso appalto, deve essere armonizzato e reso compatibile con l'organizzazione di impresa prescelta dall'imprenditore subentrante.


 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi