T.A.R. Emilia - Romagna, Bologna, sez. I, 12 luglio 2018, n. 575

1. Il concorrente è tenuto a dichiarare l’esistenza di un dispositivo di condanna penale per corruzione, anche quando non è stata ancora depositata la motivazione della sentenza, per non incorrere nell’esclusione dalla procedura in applicazione dell’art. 80, co. 5, lett. c), del d.lgs. 50/2016.

 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi