T.A.R. Puglia, Bari, sez. I, 5 luglio 2018, n. 991

E’ illegittima la decisione della stazione appaltante di avviare il procedimento facoltativo di verifica di anomalia dell’offerta di un operatore economico, ove la medesima non ha individuato alcun “elemento specifico” ex art. 97, comma 6, d.lgs. n. 50/2016 che fosse idoneo a ingenerare fondati dubbi in ordine alla sua inattendibilità (nella specie, la stazione appaltante ha esercitato tale potere sulla base di un mero raffronto tra la gara in questione e quella relativa al precedente triennio, di cui la deducente era risultata aggiudicataria).

Conforme: Cons. Stato, 30 ottobre 2017, n. 497; idem, sez. III, 5 maggio 2017, n. 2078; idem, 30 marzo 2016, n. 1255; idem, sez. IV, 7 giugno 2016, n. 2433; idem, 9 dicembre 2015, n. 5598; T.a.r. Lazio, Roma, sez. II – bis, 16 ottobre 2017, n. 10371.

Non sono stati rinvenuti precedenti difformi.

 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi